Archivi tag: eventi a cosenza 2011

IL FILO DI SOPHIA VENERDI’ 6 MAGGIO ORE 18 CENTRO AUSER VIA MANZONI QUARTIERE SPIRITO SANTO COSENZA VECCHIA

Il Filo di Sophia, per la prima volta nella sua storia, sbarca in quel di Cosenza Vecchia, e, non pago del “classico” appuntamento del martedì, eccezionalmente, per questa settimana, raddoppia. Infatti, venerdì 6 maggio, presso la sede dell’Auser Cgil, avremo il piacere di ospitare la presentazione di un volume estremamente interessante, curato da Antonio Lucci, dottorando di ricerca in Filosofia presso l’Università degli Studi …di Trieste, intitolato “Il limite delle sfere. Saggio su Peter Sloterdijk” (Bulzoni, Roma, 2011).

Vediamo come lo stesso Antonio ci introduce al suo testo:

Con il libro “Il limite delle sfere” ho voluto introdurre al pubblico italiano la figura di Peter Sloterdijk, uno degli intellettuali tedeschi più importanti al mondo: ricostruire la genesi del suo pensiero, trovandone i fili conduttori, addirittura una sistematicità interna. Ma al di là di questo intento, propriamente ermeneutico e storico-filosofico, l’obbiettivo del mio libro è anche quello di dare gli strumenti teoretici per comprendere quanto Sloterdijk possa rappresentare, in prospettiva, un modello nuovo per una filosofia che voglia uscire dalle ristrettezze accademiche, calandosi in tutti i contesti della vita quotidiana, e facendosi, di nuovo dopo molto, troppo tempo, secondo la lezione hegeliana, «proprio tempo storico appreso tramite concetto».

Discuteranno con l’autore Marco Gatto e Armando Canzonieri.
Sarà possibile acquistare il libro direttamente in sala.

Appuntamento quindi  VENERDI’ 6 MAGGIO ORE 18 CENTRO AUSER, VIA MANZONI, QUARTIERE SPIRITO SANTO, COSENZA VECCHIA

P.S.: Per tutti coloro i quali volessero maggiori informazioni sulla posizione geografica del Centro Auser, è possibile scrivere qui o telefonare al numero 3282207753
P.P.S.: Il Centro Auser si trova a pochi passo dal teatro Rendano. Chi lo volesse può telefonare al numero sopra indicato e verrà accompagnato dal Rendano al luogo dell’evento.

Provaci ancora Woody all’Unical

Locandina Provaci ancora Woody all'Unical.jpgIl genio comico di WOODY ALLEN sbarca al Filo di Sophia per una maratona cinematografica che si preannuncia ricca di divertimento e di spunti di approfondimento.
Il Piccolo Teatro Unical sarà il prestigioso palcoscenico che vedrà alternarsi proiezioni, interventi e dibattiti sull’opera cinematografica del grande regista.
Appassionati o neofiti che siate del cinema di Woody non potete mancare a questa speciale “due giorni”!
L’INGRESSO ALLA MANIFESTAZIONE SARA’ RIGOROSAMENTE GRATUITO!
Di seguito il programma completo

MARTEDI’ 15 MARZO:

ore 14,30 Presentazione rassegna

ore 15,00 Proiezione “Provaci ancora, Sam” (1972, 87 min.)
Interviene Marcello Walter Bruno: “Tutto quello che avreste
voluto sapere del metacinema e non avete mai osato chiedere”

ore 17,30 Proiezione “Zelig” (1983, 79 min.)
Interviene Maria Merante: “La vita inautentica di Leonard Zelig”

ore 20,00 Mangia&Bevi

ore 21,00 Proiezione “Amore e guerra” (1975, 85 min.)
Interviene Giuseppe Bornino: “Riso, erotismo, morte: Woody
tra Bergson e Bataille”

MERCOLEDI’ 16 MARZO:

ore 14,30 Proiezione “Anything else” (2003, 108 min.)
Interviene Elio Girlanda: “Ricomincio daccapo: ovvero la terza
età di Woody”

ore 17,30 Proiezione “Manhattan” (1979, 96 min.)
Interviene Luca Lupo: “Dr. Allen e Mr. Konigsberg. Witz e spirito
tragico in cinefilosofia”

ore 20,00 Mangia&Bevi

ore 21,00 Proiezione “Io e Annie” (1977, 94 min.)
Interviene Giuseppe Scalercio: “L’atopia del desiderio”

Segnate sui vostri taccuini l’appuntamento e non prendete impegni per il 15 e 16 marzo prossimi!

INVADETE IL PICCOLO TEATRO!!!

“Milioni di libri scritti su ogni concepibile argomento da tutte queste grandi menti e alla fine nessuno di loro sa niente più di me sui grandi misteri della vita” (Woody Allen in “Hannah e le sue sorelle”, 1986).

“E’ stato detto che il tema principale di tutti i miei film riguarda la differenza tra la realtà e la fantasia. E’ un tema che ricorre molto spesso nei miei film e penso si basi essenzialmente sul fatto che odio la realtà. Ma sai, purtroppo la realtà è l’unico posto in cui possiamo mangiarci una bella bistecca per cena” (Woody Allen).

IL FILO DI SOPHIA

Cosenza Tango festival: la terza edizione pronta al via nel segno della solidarietà

PabloVeron.jpgE’ il Cosenza tango festival, la manifestazione artistica che, giunta alla terza edizione, ‘aprirà le danze’ dal 24 al 27 febbraio prossimi nel centro storico ed in particolare nelle suggestive location del teatro Rendano, del Palazzo della Provincia e della Biblioteca nazionale.

Un evento internazionale di elevata qualità artistica, nato dalla volontà del ballerino cosentino Ciccio Aiello e patrocinata da Comune, Provincia e da privati, che quest’anno si intreccia con la solidarietà:  parte degli incassi, infatti, saranno devoluti all’Asit, l’associazione Sud Italia trapiantati, presieduta da Rosanna Piemonte Macchia, al fine di sostenere la ricerca nefrologica per i trapiantati, fondi che saranno raccolti in occasione dello spettacolo “Un tango per Raimondo” in scena al Rendano il 24 febbraio, spettacolo dedicato a Raimondo Figliuzzi, giovane tanghero calabrese, scomparso prematuramente per una fulminante leucemia.

Vastissimo il carnet di nomi di fama internazionale che si avvicenderanno nel programma tra lezioni tematiche ed esibizioni, proiezioni, incontri culturali, workshop. In primis Pablo Veron (foto) considerato il miglior ballerino del mondo, protagonisti di “Lezioni di tango” di Sally Porter. Accanto a lui Pablo Tegli dall’Argentina uno dei maggiori esponenti di tango, Cesira Miceli, Alex Cantarelli e Mimma Mercurio, Pamela Damia dall’Argentina, Ciccio Aiello di Cosenza con la musica dal vivo dell’orchestra dei “Tango Sonos Quintet”.