Archivi tag: rassegna cinematografica all’unical

Provaci ancora Woody all’Unical

Locandina Provaci ancora Woody all'Unical.jpgIl genio comico di WOODY ALLEN sbarca al Filo di Sophia per una maratona cinematografica che si preannuncia ricca di divertimento e di spunti di approfondimento.
Il Piccolo Teatro Unical sarà il prestigioso palcoscenico che vedrà alternarsi proiezioni, interventi e dibattiti sull’opera cinematografica del grande regista.
Appassionati o neofiti che siate del cinema di Woody non potete mancare a questa speciale “due giorni”!
L’INGRESSO ALLA MANIFESTAZIONE SARA’ RIGOROSAMENTE GRATUITO!
Di seguito il programma completo

MARTEDI’ 15 MARZO:

ore 14,30 Presentazione rassegna

ore 15,00 Proiezione “Provaci ancora, Sam” (1972, 87 min.)
Interviene Marcello Walter Bruno: “Tutto quello che avreste
voluto sapere del metacinema e non avete mai osato chiedere”

ore 17,30 Proiezione “Zelig” (1983, 79 min.)
Interviene Maria Merante: “La vita inautentica di Leonard Zelig”

ore 20,00 Mangia&Bevi

ore 21,00 Proiezione “Amore e guerra” (1975, 85 min.)
Interviene Giuseppe Bornino: “Riso, erotismo, morte: Woody
tra Bergson e Bataille”

MERCOLEDI’ 16 MARZO:

ore 14,30 Proiezione “Anything else” (2003, 108 min.)
Interviene Elio Girlanda: “Ricomincio daccapo: ovvero la terza
età di Woody”

ore 17,30 Proiezione “Manhattan” (1979, 96 min.)
Interviene Luca Lupo: “Dr. Allen e Mr. Konigsberg. Witz e spirito
tragico in cinefilosofia”

ore 20,00 Mangia&Bevi

ore 21,00 Proiezione “Io e Annie” (1977, 94 min.)
Interviene Giuseppe Scalercio: “L’atopia del desiderio”

Segnate sui vostri taccuini l’appuntamento e non prendete impegni per il 15 e 16 marzo prossimi!

INVADETE IL PICCOLO TEATRO!!!

“Milioni di libri scritti su ogni concepibile argomento da tutte queste grandi menti e alla fine nessuno di loro sa niente più di me sui grandi misteri della vita” (Woody Allen in “Hannah e le sue sorelle”, 1986).

“E’ stato detto che il tema principale di tutti i miei film riguarda la differenza tra la realtà e la fantasia. E’ un tema che ricorre molto spesso nei miei film e penso si basi essenzialmente sul fatto che odio la realtà. Ma sai, purtroppo la realtà è l’unico posto in cui possiamo mangiarci una bella bistecca per cena” (Woody Allen).

IL FILO DI SOPHIA